Your Company

B.C. Varazze Swindlers

logo Polisportiva con sole bianco e nero corretto

Società Sportiva Dilettantistica                       C.F. 92086980098

Comunicati stampa relativi al torneo

VA IN VAL BORMIDA IL TITOLO DEL VOLLEY AMATORIALE

 

C’era il pubblico delle grandi occasioni nella palestra “Pertini” di Varazze ad assistere all’atto finale del 6° Open Provinciale Misto di Pallavolo organizzato da B.C. Varazze Swindlers.

A fronteggiarsi si sono ritrovati lo Squadrone Avvoltoi di Roberto Craviotto, giunto anche quest’anno prima nel girone, ed il Wild Bormida Altare guidato dalla panchina dal lungo degente Beppe Crispino che in semifinale aveva eliminato a sorpresa i campioni in carica dell’Agriçele Volley S.M.G.

Forse a causa dell’importanza del match, le squadre sono scese in campo contratte, senza riuscire a dare continuità al proprio gioco; di conseguenza i primi parziali sono stati alternativamente appannaggio della difesa più concentrata. L’incontro e lo spettacolo si sono accesi nel quarto set in cui le due compagini hanno dispiegato tutta la potenza delle loro batterie offensive, regalando agli spettatori momenti di gioco di livello sorprendentemente alto per un torneo amatoriale. Il set è restato in equilibrio per tutta la sua durata ed alla fine ha sorriso ai “cinghiali” della Val Bormida che si sono aggiudicati partita e torneo con il punteggio di 3-1 (25-19; 14-25; 25-15; 29-27).

Il Wild Bormida Altare ha schierato Davide Landolfa, Stefano Vico, Alessandro Siri, Giuseppe Crispino, Francesco  Genta, Luca Maragliano, Michele Tessore, Maria Oddera, Jessica Verdino, Alessandra  Robba, Francesca Cecinati e Matteo  Ghidara, mentre lo Squadrone Avvoltoi era composto da Nadia  Pontillo, Barbara  Pastorino, Riccardo  Notari, Roberto  Craviotto, Alessandra  Pesce ,Roberta  Ricci, Mila  Palanzone, Gianni  Antichi, Carlo  Alberto  Mazza e Paolo  Schenone.

In precedenza l’Agriçele Volley S.M.G. aveva conquistato il terzo gradino del podio superando 3-1 (25-21; 21-25; 25-21; 25-21) gli Avanzi Varazze, mentre vincendo sempre per 3-1 (18-25; 25-23; 25-9; 25-23) la matricola Under 99 Finale era stata ben contenta di lasciare al Drink Team -per il secondo anno consecutivo- il Cucchiaio di Legno destinato alla squadra arrivata ultima. Le prime quattro squadre classificate sono attese ora dalla fase interregionale che si svolgerà ad Asti il 29 di questo mese.

Infine, con il voto dei capitani delle squadre, sono stati assegnasti dei riconoscimenti individuali. La targa per la miglior giocatrice del torneo è andata a Raffaella Parodi (Avanzi Varazze) che ha preceduto Maria Oddera e Mila Palanzone, mentre Riccardo Notari e Roberto Craviotto (Squadrone Avvoltoi) hanno preferito non dirimere l’ex aequo e ritirare insieme il premio di miglior giocatore, classifica in cui hanno raccolto voti anche Lino Vicino e Giuseppe Crispino.

Gli organizzatori sono già al lavoro per la prossima edizione che manterrà lo stesso format ma vedrà aumentare il numero di squadre partecipanti, dal momento che stanno pervenendo richieste di adesione anche da fuori provincia.

 

 

 

 

VOLLEY AMATORIALE: GRANDE ATTESA PER LA FINALE  

 

      Saranno Wild Bormida Altare e Squadrone Avvoltoi a contendersi il titolo del 6° Open Provinciale di Pallavolo.

     I cinghiali della Val Bormida si sono qualificati superando con un secco 3-0 (27-25; 25-19; 25-21) i campioni in carica dell’Agriçele Volley S.M.G. L’incontro si è disputato nella “Bombonera” di Celle, ma ai giallorossi è mancato il caloroso apporto dei propri tifosi, al punto che sugli spalti i sostenitori delle due compagini si equivalevano per numero. Dopo un finale di stagione in crescendo, la squadra cellese è apparsa scarica e nel primo set non ha saputo capitalizzare il buon inizio che ha portato la squadra a condurre 23-18. Dopo essersi aggiudicato ai vantaggi il parziale, il Wild Bormida ha giocato il resto del match con grande convinzione alzando con i suoi centrali muri invalicabili contro cui si spegnevano gli attacchi e le speranze dell’Agriçele. Da segnalare fra i vincitori le ottime prestazioni di Alessandro Siri, Maria Oddera e Davide Landolfa, mentre il capitano Beppe Crispino soffriva dalla panchina agitando le stampelle.

     L’altra semifinale metteva di fronte lo Squadrone Avvoltoi e gli Avanzi Varazze in un derby che era facile prevedere al calor bianco. Fra il pubblico da segnalare la presenza di diversi giocatori che hanno fatto la storia delle due compagini e che non hanno voluto fare mancare il loro sostegno in questa occasione. All’inizio della partita la tensione sembrava avvinghiare le membra degli Avanzi ed il team di Craviotto non ha avuto problemi a conquistare il primo set; poi il livello del gioco è cominciato a salire, ma sono stati ancora i pennuti ad aggiudicarsi un secondo parziale rimasto in discussione fino all’ultimo. Chi si aspettava la resa di Olivieri e soci ha assistito invece alla loro reazione, favorita dalla scarsa attenzione con cui gli Avvoltoi hanno approcciato questa fase del match. Ma i momenti più spettacolari dell’incontro si sono concentrati nel 4° set, restato in equilibrio grazie alla potenza dei centrali dello Squadrone Avvoltoi ed alla maggiore varietà di gioco degli Avanzi Varazze. Gli scambi sono diventati prolungati, le difese attente, gli attacchi ficcanti ed il set è stato deciso da eventi impalpabili che hanno portato gli Avvoltoi alla meritata vittoria con il punteggio di 3-1 (25-14; 25-21; 12-25; 27-25). Inevitabile citare fra i protagonisti Roberto Craviotto e Riccardo Notari fra gli Avvoltoi, Giulio Olivieri e Raffaella Parodi fra gli Avanzi.

     Dopo la fine dell’incontro, svoltosi peraltro in un clima di correttezza che ha permesso un arbitraggio senza grosse sbavature, c’è stato qualche momento di tensione per lo scarso fair play di Mila Palanzone (alzatrice dello Squadrone Avvoltoi) che ha rifiutato di effettuare il saluto alla squadra sconfitta, un gesto poco sportivo ed evitabile soprattutto nel contesto di un torneo amatoriale.

    L’appuntamento è adesso fissato per venerdì 13 maggio alle ore 21.30 nella palestra “Pertini” di Varazze dove si disputerà  la finale fra Squadrone Avvoltoi e Wild Bormida Altare. L’incontro sarà seguito dalla premiazione e da un piccolo rinfresco offerto dagli organizzatori di questo importante torneo amatoriale del savonese.

 

 

 

     Mancano ancora due giornate al termine della fase a girone della 6° edizione dell’Open Provinciale di Pallavolo organizzato da B.C. Varazze Swindlers, ma ormai la classifica sembra essersi piuttosto consolidata. La principale novità di quest’anno riguarda l’istituzione di una fase interregionale a cui verranno ammesse le prime quattro squadre classificate nel girone alla fine della regular season. Il concentramento finale che assegnerà il titolo si svolgerà ad Asti domenica 29 maggio.  

    L’Open Provinciale sta acquisendo una crescente rilevanza e, nonostante sia incentrato su formazioni del levante savonese, vede pure la partecipazione dell’Under 99 Finale e del Wild Bormida Altare che si aggiungono ai campioni in carica dell’Agriçele Volley S.M.G., allo Squadrone Avvoltoi, agli Avanzi Varazze ed al Drink Team. Nello stesso tempo continua purtroppo a diminuire il rilievo dell’omologo torneo CSI che ha visto ai nastri di partenza solo tre squadre della Provincia di Savona.

    In vetta alla classifica con 18 punti resta lo Squadrone Avvoltoi di Roberto Craviotto, nonostante abbia subito nell'ultimo turno la prima sconfitta dell'anno in uno splendido e tiratissimo incontro perso 2-1 (18-25; 25-23; 32-30) in casa dei campioni in carica dell'Agriçele.  La squadra è assai solida nei fondamentali, precisa in difesa, ficcante negli attacchi, ed è riuscita a superare il trauma del passaggio di Spinelli al Drink Team grazie all’acquisto dell’ottimo Paolo Schenone.

    Al secondo posto con 16 punti è risalito proprio l’Agriçele in netta crescita dopo un brutto inizio di torneo. Da notare che proprio loro hanno il pubblico più folto che sostiene con entusiasmo la squadra anche nelle trasferte. Percorso opposto per gli altaresi del Wild Bormida Altare che dopo avere esordito con due nette vittorie hanno rallentato la loro marcia non riuscendo sempre a mantenere la concentrazione in campo per la durata dell’intero incontro.

    Gli Avanzi Varazze, rinforzati dagli ex Drink Team Francesco Colombo e Letizia Saettone nonché da Raffaella Parodi (l’anno scorso negli Amici del Drake), pur evidenziando problemi di amalgama su cui il capitano Olivieri ha dovuto  lavorare, sono riusciti a raccogliere punti contro quasi tutte le squadre giocando con una grinta che a tratti è riuscita a mascherare i cali di attenzione.

    Il loro quarto posto può essere insidiato ancora dalla matricola Under 99 Finale, che se ha risentito nelle prime giornate della scarsa abitudine a confrontarsi con altre squadre in un torneo di questo tipo, ha poi dimostrato di sapere crescere rapidamente e di giocare divertendosi facendo ruotare il proprio ampio organico. Fatica invece in modo inspiegabile il Drink Team, che ha infilato un filotto di cinque sconfitte consecutive mostrando troppo spesso un atteggiamento apatico. Sarà difficile in queste condizioni riuscire a consegnare in altre mani il poco ambito “Cucchiaio di Legno” conquistato lo scorso anno assieme all’ultimo posto del torneo.

 

 

 

    Nelle scorse settimane ha preso il via la 6° edizione dell’Open Provinciale di Pallavolo organizzato da B.C. Varazze Swindlers. La principale novità di quest’anno riguarda l’istituzione di una fase interregionale a cui verranno ammesse le prime quattro squadre classificate nel girone alla fine della regular season. Il concentramento finale che assegnerà il titolo si svolgerà ad Asti domenica 29 maggio.

     Il rapporto che si è consolidato con significative realtà di altre province e regioni, fra cui il comitato CSI di Chiavari e la CRI Volley Asti, ha fatto sì che sarà proprio la società varazzina ad organizzare la 3° edizione della Coppa dell’Appennino. L’importante torneo femminile si svolgerà al Palasport di Celle Ligure nel week-end del 2 e 3 aprile e vedrà la partecipazione di almeno 8 squadre. Ma di questo avvenimento avremo modo di parlare più approfonditamente in seguito.

    L’Open Provinciale sta acquisendo una crescente rilevanza e, nonostante sia incentrato su formazioni del levante savonese, vede pure la partecipazione dell’Under 99 Finale e del Wild Bormida Altare che si aggiungono ai campioni in carica dell’Agriçele Volley S.M.G., allo Squadrone Avvoltoi, agli Avanzi Varazze ed al Drink Team. Nello stesso tempo continua purtroppo a diminuire il rilievo dell’omologo torneo CSI che ha visto ai nastri di partenza solo tre squadre della Provincia di Savona.

    Le prime tre giornate del girone hanno lanciato in vetta alla classifica lo Squadrone Avvoltoi di Roberto Craviotto, unica compagine ancora imbattuta, che è riuscita a superare il trauma del passaggio di Spinelli al Drink Team grazie all’acquisto dell’ottimo Paolo Schenone. Al secondo posto si sono stabiliti gli altaresi del Wild Bormida che dopo due nette vittorie hanno subito uno stop contro l’Agriçele. Proprio i cellesi hanno finora disatteso i pronostici, deludendo nei primi due incontri le attese dei propri sostenitori che seguono numerosi ed entusiasti la squadra anche nelle trasferte. Attesi al varco da tutti dopo il trionfo dello scorso anno, Marco Gallizio e soci non hanno ancora trovato lo smalto che li aveva condotti alla conquista del titolo.

    Gli Avanzi, rinforzati dagli ex Drink Team Francesco Colombo e Letizia Saettone nonché da Raffaella Parodi (l’anno scorso negli Amici del Drake), dopo avere vinto con fatica i primi due incontri sono clamorosamente crollati nel sentito derby con lo Squadrone Avvoltoi evidenziando problemi di amalgama su cui il capitano Olivieri dovrà lavorare. Fatica anche il Drink Team, che ha come obiettivo minimo la consegna in altre mani del poco ambito “Cucchiaio di Legno” conquistato lo scorso anno assieme all’ultimo posto del torneo. La squadra di Brusa sembra stia trovando un gioco accettabile e ha conseguito la sua prima vittoria andando a battere in trasferta i campioni in carica dell’Agriçele nonostante alcune assenze importanti. Infine la matricola Under 99 Finale ha forse risentito finora della scarsa abitudine a confrontarsi con altre squadre in un torneo di questo tipo, ma sembra destinata a crescere rapidamente.